Cosa dice la critica di Mauro Malafronte - Comune di Conselice

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - Cultura - Cosa dice la critica di Mauro Malafronte  

Cosa dice la critica di Mauro Malafronte

«Non dipingo sul cavalletto. Preferisco fissare le tele sul muro o sul pavimento. Ho bisogno dell'opposizione che mi dà una superficie dura. Sul pavimento mi trovo più a mio agio. Mi sento più vicino al dipinto, quasi come fossi parte di lui, perché in questo modo posso camminarci attorno, lavorarci da tutti e quattro i lati ed essere letteralmente "dentro" al dipinto...>>

 

Frammenti-di-Ricordi

 

Mauro Malafronte è un pittore autodidatta e si ispira alla pittura americana degli anni '50, all'Action Painting o allo stile espressionistico astratto americano. La sua pittura è intesa come vitalita' intrinseca del gesto e della materia, come manipolazione del colore, gesto dirommpente che disintegra la realta' e la ricostruisce. Inizia manipolando la tela dove scatena una tempesta creativa, quasi fosse un campo di battaglia in cui il colore giochera' le sue mosse.
Costruita la base, il colore traccia i suoi percorsi nella fittizia casualita' del dripping sulla tela distesa a terra. Senza caso non c'e' esistenza.
Ha esposto in diverse gallerie e sta partecipando a tanti concorsi. La forte energia creativa unita ad una matericità propria data dagli "elementi" da cui le opere prendono forma, caratterizza l'Arte dell'Artista Mauro Malafronte. Attraverso la scomposizione del Segno l'Artista riesce ad andare oltre la semplice rappresentazione.
Le sue opere prendono vita ed indagano il cosmo. Il linguaggio cromatico mette in risalto i valori taciti del segno. Il gesto si fa autentico e istintivo.

Nelle opere di Malafronte c'è tutta la forza dell'Artista Action-Painting. La sua in effetti è una pittura decisamente di azione. Malafronte indaga quella che è la condizione umana attraverso un "fare pittorico" in cui il Significante ha lo stesso valore di un Significato che non è immediatamente visibile.
Le sue opere sono "in movimento"; la dinamicità cromatica ed espressiva caratterizza dunque il modus operandi dell'Artista. La sinuosità delle linee e la razionalità del tratto fanno del Maestro un Artista che trova nell'introspezione la sua vera realtà espressiva. Un'indagine dunque che parte dall'Anima.
Un tratto che porta con sé significati profondi che trovano in universi non immediatamente leggibili la loro forma rappresentativa più importante.