Lo scrittore Christian Hill incontra i ragazzi delle scuole medie - Comune di Conselice

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - Cultura - Lo scrittore Christian Hill incontra i ragazzi delle scuole medie  

Lo scrittore Christian Hill incontra i ragazzi delle scuole medie

Nell’ambito del progetto di promozione della lettura “storie in volo”, mercoledì 12 novembre l’autore Christian Hill incontrerà gli studenti delle scuole medie dei Comuni della Bassa Romagna. Christian Hill è autore de “Il volo dell'Asso di Picche”, la storia di quattro ragazzi appassionati del volo e degli aerei e affascinati dal mito dell'aviatore che imperversava durante la Grande guerra, i quali riescono a realizzare un'impresa che pareva destinata a restare un sogno, e si vedono tributare un attestato di stima addirittura dall'asso dell'aviazione italiana, Francesco Baracca.

L'incontro sarà diviso in due sessioni : a Lugo presso l'aula magna dell’istituto “G. Compagnoni”, in mattinata, e a Conselice presso il teatro comunale, nel pomeriggio. Ai due incontri parteciperanno 610 ragazzi delle scuole medie dei Comuni dell’Unione, accompagnati dai docenti.

Il progetto “Storie in volo” è a cura dei Comuni, delle biblioteche e delle scuole medie dell'UCBR, in collaborazione con il museo “Francesco Baracca” e la libreria Alfabeta di Lugo. Fa parte del progetto nazionale di promozione della lettura “In Vitro”.

“Il volo dell’Asso di Picche” è scritto da Christian Hill e pubblicato nel 2014 da Einaudi Ragazzi. Ulteriori informazioni sono disponibili sulla pagina Facebook www.facebook.com/ilvolodellassodipicche  

 

TRAMA

Il-volo-dell-Asso-di-Picche-locandina

Bepi, Attilio, Ilario e Martino hanno tra i tredici e i quindici anni e un’unica passione: il volo. Ma i voli del 1917 sono voli di guerra, e loro si limitano a spiarli da lontano, nella piccola base aeronautica di Mordenons, un paese del Friuli. Nel frattempo vivono la loro vita di ragazzi di paese, tra giochi, studi, scorribande e i rapporti complicati con la famiglia che ha qualsiasi adolescente di ogni tempo. Bepi è il più spavaldo del gruppo, perché il più libero; suo fratello maggiore è un pilota e per questo lui si sente già esperto. Attilio è il secondo, quello posato, lo studioso: la sua idea di avventura sta tutta nel fantasticare. Ilario «il figlio del macellaio» è sensibile e svelto, mentre Martino è il damerino, ricco e un po’ viziato. Nonostante le differenze, la loro amicizia è salda e piena di calore. Il paesino in cui vivono è un crocevia di operazioni aeronautiche e militari, dove l’eco delle battaglie risuona come un monito e un richiamo insieme. Ma Bepi e i suoi amici non ne sono affascinati. Nel nido sterile della guerra i ragazzi continuano a covare i loro sogni come uova preziose. Non vogliono combattere: vogliono volare. Vedono i biplani decollare e atterrare come maestosi aironi di legno e tela. Vedono il brivido, l’adrenalina sul viso dei piloti. Il sogno. Finché un evento inspiegabile e spaventoso li costringe a smettere di vedere, per agire. Improvvisamente la base di Mordenons cessa l’attività: così, da un giorno all’altro. Niente più piloti sul campo, niente più aerei in volo. Niente di niente. Perché? I quattro amici si intrufolano nella base e restano impietriti. Eccoli, gli uomini della squadriglia. Una ventina almeno. Tutti a terra, senza vita. Ma i biplani devono partire: si tratta di una missione vitale per i soldati al fronte e i ragazzi sanno che nessuno può portarla a termine. Nessuno, tranne loro. È pericoloso, così pericoloso che è meglio non pensarci. È una follia, un’impresa impossibile. È l’avventura della loro vita, e i ragazzi non se la lasciano scappare.

 

BIOGRAFIA DI CHRISTIAN HILL

Christian-Hill

Christian Hill, figlio di un'italiana e di un tedesco, è nato a Milano nel 1967 ed è cresciuto in Italia. Da sempre appassionato di scrittura e narrativa, ha studiato ingegneria aeronautica ma, subito dopo la laurea, ha deciso che gli aerei dovevano restare solo una passione, così si è dedicato al giornalismo, alla scrittura, alla fotografia e ai giochi. Gli aerei sono sempre rimasti nel suo cuore e le storie di guerra gli sono sempre interessate - non perché sia guerrafondaio - ma perché il nonno tedesco ha combattuto nella Grande guerra e il bisnonno paterno aveva uno dei primi studi fotografici di guerra; Christian, da bambino, è quindi cresciuto in mezzo alle foto della Prima guerra mondiale. Vive a Milano con la moglie e due figlie.

Il volo dell'Asso di Picche è il suo primo romanzo per ragazzi, ma diversi altri romanzi mai pubblicati affollano lo scaffale del suo studio.