Adottata la 15° variante al PRG - Comune di Conselice

Skip to main content
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - Tutte le news - Adottata la 15° variante al PRG  

Adottata la 15° variante al PRG

 

veduta-dall-acute-alto-di-Conselice

Con la quindicesima variante al PRG, adottata l’altra sera dal consiglio comunale, l’Amministrazione di Conselice punta decisamente al miglioramento della qualità edilizia residenziale ed introduce azioni incentivanti per favorire le abitazioni costruite con criteri bio climatici e materiali ecosostenibili. Per far questo sono state stati ridotti gli indici di edificazione di diverse aree a destinazione residenziale, (B1 e C) con la creazione di una sottozona B 1.2, a bassa densità abitativa, dove sono confluite tutte le aree interne ed esterne al territori urbanizzato e sono stati variati i parametri di altezza degli edifici. Il risultato di questo lavoro modifica al ribasso la capacità abitativa del territorio comunale di 58.400 metri quadri e si raddoppia lo standard dei parcheggi pubblici per i nuovi insediamenti abitativi, che passa da  3 mq per abitante a 6 mq. La variante introduce anche l’obbligo del garage per i nuovi alloggi e del parcheggio pertinenziale sugli edifici residenziali esistenti dove vengono aumentate le unità abitative. «Questa variante conclude un lavoro svolto in questi anni e punta ad adeguare in modo definitivo il PRG, alle nuove esigenze urbanistiche, di fronte al forte aumento della popolazione ed a nuclei familiari più piccoli che hanno determinato uno sviluppo residenziale inedito per Conselice – sottolinea il Vice Sindaco, Stefano Andraghetti – inoltre si è cercato di garantire una migliore qualità nell’integrazione paesaggistica tra territorio urbano e rurale, con una norme più chiara, in attesa dell’approvazione del prossimo piano strutturale associato comunale e dei piani operativi e del regolamento edilizio conseguente.». Nel dettaglio gli interventi principali riguardano a Lavezzola un’area in via Bellagrande che viene ricompresa in zona C di espansione, formando in tal modo il nuovo comparto 47 della St di mq 12.350; viene riclassificata come zona omogenea H un’area ubicata in via Martiri della Libertà, in fregio al parco pubblico con una superficie di circa 2.700; altre aree parzialmente edificate, prima classificate in B1, vengono riclassificate quale zona di completamento residenziale a bassa densità B12, mentre altre aree di dimensioni maggiori sono state invece riclassificate quale zona B6 di tipo residenziale semintensivo, con una normativa che ne prevede l’attuazione unitaria con intervento urbanistico preventivo a mezzo di piano di utilizzo con il reperimento di dotazioni territoriali e realizzazione di opere di urbanizzazione primaria. A Conselice di rilevante si segnala accorpamenti di aree di espansione residenziale, la trasformazione di un’area residenziale inedificata di 5.500 in via Marconi, in zona omogenea B6 e la trasformazione di un’area di 1.500 mq non attuata destinata a parcheggio pubblico. Più articolato l’intervento su San Patrizio dove viene ridotta di 12.200 mq la capacità edificatoria con la riclassificazione di diverse aree residenziali, la trasformazione di un’area di completamento residenziale B1 inedificata di mq 4.500 in zona omogenea B6 e la riperimetrazione di alcune aree inedificate in via Bisce e G. Dalle Vacche. Ma l’elemento di forte novità della variante sta nell’introduzione di un bonus edilizio per incentivare le costruzioni eco – sostenibili. Per far questo è stata adottata la normativa regionale in merito a costruzioni bioclimatiche con qualche aggiornamento dovuto alla normativa nazionale e si è costruita una serie di incentivi a punti che permettono di aumentare l’area edificabile per tutte le zone residenziali, a fronte di quanto ridotto dalla normativa generale. Si centra così uno degli obiettivi del programma di legislatura, che sosteneva la necessità di adeguare il PRG ad uno sviluppo che nel ’98 non era prevedibile e si punta in modo deciso ad una edilizia di qualità. Adesso inizia l’iter procedurale che porterà nei prossimi mesi alla sua definiva approvazione.

 
I documenti: