Conclusi i lavori di potenziamento e rinnovo del depuratore di Lavezzola - Comune di Conselice

Skip to main content
 
 
Sei in: Home - Guida ai servizi - Tutte le news - Conclusi i lavori di potenziamento e rinnovo del depuratore di Lavezzola  

Conclusi i lavori di potenziamento e rinnovo del depuratore di Lavezzola

INAUGURAZIONE-DEPURATORE-smalll

L’impianto è stato inaugurato questa mattina alla presenza dell’assessore all’Ambiente della Regione Emilia Romagna, Irene Priolo e di tante autorità. Grazie all’intervento, che ha comportato un investimento di oltre un milione di euro, il depuratore ha quasi raddoppiato la sua potenzialità.

Sono stati ultimati i lavori di potenziamento del depuratore di via Bellagrande a Lavezzola, inaugurato questa mattina alla presenza del sindaco di Conselice Paola Pula, dell’assessore all’ambiente, difesa del suolo e della costa e protezione civile della Regione Emilia Romagna, Irene Priolo, del direttore di Atersir Vito Belladonna, di Alvaro Zavaglia di Golfera Spa, di Antonio Dondi (direttore Heratech) e Susanna Zucchelli (direttore Acqua di Hera).

L’intervento nasce dalla necessità di ampliare l’impianto e perfezionare il processo di depurazione, per rispondere alle esigenze di sviluppo e crescita del territorio, è inserito nel Piano Investimenti del Servizio Idrico Integrato per un totale di circa 1.020.000 €, prefinanziati da ConAmi, ed è realizzato con un contributo della ditta Golfera, in considerazione delle crescenti necessità depurative del relativo stabilimento.

Con la realizzazione delle opere, la potenzialità del depuratore è passata da 4.500 a 7.500 abitanti equivalenti, incrementandola pertanto del 66% e consentendo all’impianto di trattare portate fino a 187,5 m3/h.

 

Un progetto innovativo grazie alla metodologia BIM

Il progetto, redatto e coordinato da Heratech (società del Gruppo Hera) in tutte le sue fasi, dalla progettazione alla costruzione, è stato sviluppato con la metodologia BIM (Building Information Modeling). Si tratta del primo progetto della multiutility implementato con l’ausilio del BIM, che consente l’ottimizzazione della pianificazione, realizzazione e gestione di opere tramite l’utilizzo di software che raccolgono tutti i dati relativi agli interventi, combinandoli e collegandoli digitalmente, al fine di prevenire ogni possibile interferenza durante la fase di realizzazione. La costruzione virtuale è visualizzabile come un modello geometrico tridimensionale contenente tutte le informazioni necessarie al corretto sviluppo degli interventi e alla loro messa in campo.

Durante tutte le fasi lavorative delle varie sezioni del depuratore sono state studiate soluzioni per mantenere in esercizio l’impianto, garantendo un’elevata qualità dell’acqua scaricata e il costante rispetto dei limiti previsti per legge. Nella nuova configurazione tutte le apparecchiature installate e le soluzioni progettuali adottate consentono di non interrompere il funzionamento dell’impianto in caso di eventuale fuori servizio di singoli componenti o comparti.

I lavori eseguiti hanno interessato gran parte delle sezioni impiantistiche del depuratore. Il sollevamento iniziale è stato potenziato mediante l’installazione di tre nuove pompe sommergibili ad alta efficienza. È stata installata una nuova sezione di grigliatura fine in sostituzione di quella esistente in grado di rimuovere e raccogliere tutte le particelle di dimensioni superiori a 3 mm. Il “cuore” dell’impianto, il trattamento biologico, è stato completamente ammodernato sia nell’equipaggiamento che nell’automazione. Sono stati inoltre realizzati due nuovi sedimentatori secondari circolari aventi funzione di chiarificazione dei liquami, andando a separare l’acqua trattata dalle particelle comunemente denominate “fango”. Infine è stato costruito un nuovo locale tecnico.

 

La parte architettonica e il rispetto dell’ambiente

È stata prestata grande attenzione alla parte architettonica del progetto. Il paesaggio che circonda l’area è caratterizzato da campi coltivati e case sparse. Il progetto ha voluto essere rispettoso del luogo ma anche caratterizzarlo e non nasconderne l’identità tecnologica. La scelta è stata quella di utilizzare un colore grigio antracite per le vasche in calcestruzzo, sia per quelle esistenti che per quelle di nuova realizzazione, e di utilizzare un colore giallo per i rivestimenti del fabbricato. Quest’ultimo è stato realizzato con struttura metallica e ispirato agli annessi dei vecchi casolari che punteggiano la pianura Romagnola. Non ultimo, l’intervento è stato progettato e realizzato seguendo la filosofia di Hera in termini di sostenibilità e circolarità della materia prestando particolare importanza al riutilizzo dei materiali.

 

Si ricorda infine che per informazioni è sempre a disposizione 24 ore su 24, sette giorni su sette, il numero di Pronto Intervento Hera per le reti idriche 800.713.900 a cui i cittadini possono segnalare anche guasti e rotture.