Giornata della memoria dedicata alle vittime del terrorismo - Comune di Conselice

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - Tutte le news - Giornata della memoria dedicata alle vittime del terrorismo  

Giornata della memoria dedicata alle vittime del terrorismo

 

Un-momento-della-cerimonia

Una corona in memoria di tutte le vittime de terrorismo è stata deposta questa mattina, alle ore 11 in via Aldo Moro, dal Sindaco Maurizio Filipucci e dalla Giunta. L’occasione è data dalla giornata della memoria dedicata alle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice, approvata a larga maggioranza dal Parlamento italiano nei giorni scorsi. La data del 9 maggio ricorda l’uccisione, nel 1978, di Aldo Moro, lo statista democristiano ritrovato nel cofano di un’auto dopo l’esecuzione da parte delle Brigate Rosse, che l’avevano rapito il 16 marzo dello stesso anno in Via Fani a Roma, ma nel lungo elenco sono compresi anche le 19 vittime di Nassiriya. "L'omicidio Moro è stata una pagina tragica della nostra storia recente – sottolinea Maurizio Filipucci – e l’istituzione della giornata delle memoria per le vittime del terrorismo deve quindi essere anche motivo di sprone per ricordare e per raccontare alle nuove generazioni pezzi di storia recente che ancora oggi hanno molti lati oscuri".
La giornata in ricordo delle vittime del terrorismo è stata fortemente voluta dal Presidente Giorgio Napolitano, che dopo l’approvazione ha espresso il suo «compiacimento per l'avvenuta approvazione - con voto pressochè unanime - del disegno di legge che istituisce una giornata alla memoria della vittime del terrorismo e delle stragi per il 9 maggio. E' un riconoscimento dovuto, anche per dissipare ogni ambiguità e reticenza su vicende drammatiche e dolorose per il Paese e per tante famiglie italiane". Il ddl porta la firma, tra gli altri, dei senatori Sabina Rossa, figlia del sindacalista Guido Rossa, e di Rosa Villecco vedova Calipari.
Nella foto al centro il Sindaco Maurizio Filipucci, a sinistra Susanna Melandri e Gian Luigi Tubertini. Alla sua destra il vice Sindaco Stefano Andraghetti.