La Bassa Romagna tiene viva la memoria di Silvia Romano - Comune di Conselice

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - Tutte le news - La Bassa Romagna tiene viva la memoria di Silvia Romano  

La Bassa Romagna tiene viva la memoria di Silvia Romano

 

L’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha accolto l’appello dell’Associazione Non una di meno  di Conselice e dell’Associazione Cittadini per la Memoria del Vajont di Longarone (BL) per rinnovare l’attenzione su Silvia Romano, la ragazza milanese di 23 anni volontaria dell’associazione Africa Milele Onlus di Fano, rapita in Kenya il 20 novembre 2018. 

In tutti i Comuni della Bassa Romagna, al termine dei Consigli Comunali verrà letto l’appello lanciato dalle associazioni al fine di tenere viva la memoria  sulla vicenda di Silvia Romano e degli altri sei italiani rapiti e ancora prigionieri di banditi e terroristi: Padre Paolo Dall’Oglio, rapito in Siria il 29/07/2013; Raffaele Russo, il figlio Antonio e il nipote Vincenzo Cimmino rapiti in Messico il 31/01/2018; Padre Luigi Maccalli rapito in Niger il 17/08/2018; Luca Tacchetto rapito in Burkina Faso con la sua fidanzata canadese Edith Blais il 15/12/2018. 

“Da oltre duecento giorni di Silvia si sa ben poco, di Silvia si parla poco, di Silvia ce ne si occupa poco. Stare in mano a dei criminali non è come essere in vacanza. Non è nemmeno come lavorare circondati dai sorrisi dei bambini che si stanno aiutando. Non è più così per Silvia e non è più così per la sua famiglia e per chi le vuole bene. Silvia è prigioniera e conta su di noi, così come tutti gli altri connazionali che non possono ricongiungersi alle proprie famiglie” - questo un estratto dell’appello inviato dalle due Associazioni - “rinnovare l’attenzione su quanto accade può sembrare poca cosa, ma anche un piccolo gesto come questo può fare la differenza”.