Profumo di mimosa - Comune di Conselice

Skip to main content
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - Tutte le news - Profumo di mimosa  

Profumo di mimosa

 

La festa delle donne di Conselice parla il linguaggio della multiculturalità e del diritti. E si conclude con la celebrazione del sessantesimo del voto alle donne. Ma andiamo con ordine. Domani alle ore 18, nella biblioteca comunale, Claudia Pancino presenta il suo saggio «Soffrire per ben comparire. Corpo e bellezza, natura e cura », un viaggio dentro l’arte e i costumi dei secoli per riconoscere l’identità femminile, al di là degli stereotipi imposti dal pensiero maschile. Sabato alle ore 17, nella sala arte incontro verrà inaugurata  una mostra fotografica «La Memoria di Lei », dove ad essere protagoniste sono le donne di Conselice e Lavezzola lungo gli anni successivi la liberazione. La mostra resterà aperta fino al 19 marzo.  Il programma prosegue domenica 26 marzo alle ore 16, nello spazio donna  gestito dalla cooperativa Il Mappamondo con «Racconti sotto il velo », testimonianze di donne straniere e di Fakhita Haouari , presidente dell’associazione A.C.M.I.D .- sezione della Lombardia. Infine la celebrazione del voto alle donne che vede a Conselice il 30 marzo alle ore 20,30,. Nell’auditorium comunale un dibattito con Susanna Melandri , assessore alle Pari opportunità, Livia Zaccagnini , Assessore alle  Trasparenze, Diritti dei Cittadini  di Ravenna, Bruna Tabarri del Comitato Provinciale ANPI di Ravenna e Adelina Grossi del Gruppo Difesa delle Donne. «Diritti come il suffragio universale, l’uguaglianza morale e giuridica tra i sessi, il riconoscimento delle pari opportunità  e di una cultura della differenza – commenta Susanna Melandri assessore alle pari opportunità di Conselice – devono essere vissute positivamente anche di fronte ai nuovi scenari della globalizzazione. Ecco perché, in una giornata come l’8 marzo, è giusto condividere con le donne questa lotta di emancipazione». A conclusione sarà presentata un analisi storica del primo voto Conselice, attraverso le carte dell'Archivio storico comunale